I Barbini, una storia ancora da scrivere

logoI Barbini appartengono ad un’antica famiglia di vetrai, presente a Murano sin dalla seconda metà del XVI secolo. Nel 1658, per ordine del Consiglio dei Dieci, viene inscritta nel Libro d’Oro della Magnifica Comunità di Murano, conosciuto come il libro della nobiltà vetraria dell’isola.

Nel corso dei secoli i suoi componenti operarono sia nella vita politica che nei vari settori della produzione vetraria muranese, come nella realizzazione di lampadari, nella produzione di specchi veneziani, di smalti in pani e canna, di perle tipo Conterie e oggettistica varia, contribuendo notevolmente nel dare lustro e qualità alla produzione artigianale isolana.

Nonostante la loro storia secolare, di questa famiglia si conosce poco.
Non esistono ricerche importanti, se non una piccola monografia redatta da Silvano Tagliapietra e qualche rara citazione sparsa “qua e la” nei diversi libri, saggi e/o articoli pubblicati, fino ad oggi, sulla storia di Murano e dell’Arte vetraria.

Eppure i Barbini non hanno avuto un ruolo marginale nella storia e nello sviluppo dell’isola. Molti componenti di questa famiglia furono dei valenti maestri vetrai, padroni di fornace e uomini politici. Il celebre Abate Vincenzo Zanetti, nella sua eccelsa “Guida di Murano e delle celebri sue fornaci vetrarie”, non a caso, menziona i Barbini nel gruppo delle famiglie che più si resero meritevoli nell’industria del vetro.
Dopotutto l’importanza di questa famiglia è riscontrabile anche nei molti matrimoni contratti, nel corso dei secoli, con le maggiori famiglie dell’isola (come i Briatti, i Mestre, i Bigaglia, ecc..), il fatto che avessero una tomba di Famiglia (in quella che una volta era la Chiesa di Santa Chiara) e che tra il 1724 e il 1791 il loro nome con l’Arme compare per ben 20 volte nelle cosiddette Oselle.

Questo sito, in sostanza, vuole essere un luogo d’incontro, non solo per tutti i “Barbini” d’origine muranese esistenti, ma anche per tutti coloro che hanno a cuore Murano, la sua storia e le sue tradizioni.

Voglio ringraziare, del contributo datomi fino ad oggi, in particolare, il sig. Luciano Moretti, per il prezioso lavoro svolto sulla mia famiglia e la possibilità, concessami, di poterlo consultare. Ringrazio anche Cesare Barbini, per il suo entusiasmo, gli spunti e le preziose informazioni trasmessemi nel corso delle nostre lunghe conversazioni telefoniche. In egual misura ringrazio Guido Barbini, per l’interesse che sempre dimostra per le mie ricerche ogni qual volta ci troviamo a parlare nel suo laboratorio. Nondimeno voglio ringraziare Mario Barbini che, purtroppo, non ho avuto ancora occasione di conoscere, per l’importante monografia realizzata sulla famiglia, ricca di importanti ed inedite informazioni.

Questo sito lo dedico alla  mia famiglia e a tutti i miei parenti, di qualsiasi ordine e grado, conosciuti o meno….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...