Angelo Barbini

Angelo figlio di Andrea detto Lolli e Angela Fassi, nonché nipote di Michelangelo, è stato, forse, il più abile maestro conzadore della famiglia Barbini, specializzato in conterie e smalti per perleri e oresi e in canna forata per margariteri. Uomo di cultura e dal fine ingegno. Fu consulente tecnico presso le maggiori vetrerie dell’isola, padrone di fornace e Consigliere comunale di Murano.

Nato a Murano l’11 luglio del 1802 fu il settimo di 8 fratelli (senza contare quattro fratelli morti prematuramente, due prima ed altri due dopo la sua nascita). Apprese l’arte del conzador direttamente dal padre, che forniva consulenze presso le diverse vetrerie isolane.

Angelo, molto probabilmente, si mise in proprio ancora in giovanissima età e la sua abilità e competenza in materia dev’essere stata davvero di altissimo livello e, di conseguenza, redditizia se alla sola età di 20 anni riuscì ad acquistare il bellissimo palazzo Da Mula, con ortaglia retrostante ed alcune casette annesse.

Il 17 febbraio del 1824 sposa Antonia Ongaro con la quale avrà dieci figli, conosciuti da allora come “I Barbini di Palazzo Da Mula”: Enrico, Andrea, Angela Prudenza, Lorenzo Angelo, Vincenzo, Maria Colomba, Elena, Giovanni, Giobatta ed Antonio Benedetto Francesco.

Il 16 maggio del 1845 viene nominato, su decreto, “Perito stabile Giudiziale del Vetro per la categoria Lastre, Vetro Soffiato, Conterie e simili”.

Dopo una vita di consulenze presso numerose vetrerie dell’isola, tra cui, i Ferro, i Miotti, i Rossetto, i Bertolini, Pietro Bigaglia, Benetto Barbaria e la Società delle Fabbriche Riunite, nel 1867 fonda la Società “Angelo Barbini, Pellisioli Pietro e Orefice Gerolamo per la fabbricazione di canna e smalti per conterie“, la cui fornace si trovava proprio in uno dei suoi locali situati nell’ortaglia retrostante palazzo Da Mula, come descritto nel catasto austriaco.
L’attività chiuderà poco dopo la sua morte, avvenuta il 21 settembre del 1869.

Possiamo concludere che Angelo fu un uomo dal grande ingegno, dotato di alte competenze tecniche in campo vetrario, un patriota, da tutti ammirato e rispettato; non dimentichiamoci anche che presso i suoi locali, a palazzo Da Mula, prese avvio la prima produzione di Domenico Bussolin e del Salviati.
A conti fatti, da Angelo discendono la maggior parte dei Barbini presenti oggi a Murano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...